santuario-di-santa-maria.jpg

Fai presto, non tardare. La primavera sta per arrivare e il cuore tende ad amare mentre la fiamma arde. Approfittante senza pensare (G.R.)

E se la primavera è alle porte, ma il forte calo delle temperature dimostrerebbe il contrario,significa che ora è il tempo di andare. Si’ andare verso il santuario di Merino perché  ricominciano i sabato dedicati a Santa Maria di Merino che ci prepareranno alla festa grande di Vieste dedicata alla sua Patrona e Madre.

Siamo ancora preda del covid, ma ci sono molti spiragli che questo anno si potrà far festa, del resto gli altri eventi a breve ed a lungo termine già programmati davvero ci fanno sperare che questo anno non sarà festa solo nei nostri pensieri, ma speriamo che potremo avere i permessi per spalancare tutte le porte alla festa di Vieste nella solennità che le appartiene.

Il Presidente del Governo timidamente si è già espresso in tal senso, anche se non è stato pubblicato nessun decreto, ma lo stiamo aspettando per la fine del mese di marzo, quando dovrebbe essere sancita ufficialmente la fine della emergenza. Noi speriamo e rimaniamo in attesa di poter essere autorizzati ad effettuare anche una raccolta di offerte per far festa. Non sappiamo come ed in che modo ma qualcosa sarà fatta. Ne siamo convinti!

Ora incominciamo con la pia preghiera a riunirci intorno al tavolo eucaristico del santuario per iniziare a cantare gli inni alla Madonna, per lodare il Signore e per ringraziarlo di averci fatti uscire incolumi da questa ondata pandemica che, ce lo auguriamo, sia stata davvero l’ultima.Ma ci ricorderemo anche dei nostri fratelli ucraini che a causa di un insensato orgoglio stanno soffrendo ….e purtroppo anche morendo e ci viene da pensare: ma sarà veramente una festa?

JSN Mico template designed by JoomlaShine.com