Nostalgia di un emigrato
di Maddalena Iavicoli

Quann u sol chel dret la muntagn
j penz semp a te, paes mij,
e stu cor che è rumes jnt la campagn
c streng p' la troppa nustalgij.
Da tutt u munn la genta fruster
ven a vdè sta b'llezz d la natur:
tin u scugghj che aiut i marner
e spiagg, murg, grott, copp e chianur.

T' agghj lasset p scì fatgann,
aveva da u pen ai figghj mij.
J non penz a Ferragost e a Chep d'ann:
vogghj turnà da te a Santa Marij.

Vist,
te vech nnant a me
a tutt l'or!
D la rin'ch e di sting
sent l'addor,
du cil e u mer tuv
vech u ch'lor!
Vist, Vista mij,
vogghj turnà da te
nnanz che mor!

Quando il sole tramonta dietro la montagna
io penso sempre a te, paese mio,
e questo cuore che è rimasto dentro la campagna
si stringe per la troppa nostalgia.
Da tutto il Mondo la gente forestiera
viene a vedere questa bellezza della natura:
hai lo scoglio del faro che aiuta i marinai
e spiagge, coste, grotte, colline e pianure.

Ti ho lasciato per andare a lavorare,
dovevo dare il pane ai miei figli.
Io non penso a Ferragosto e a Capodanno:
voglio tornare da te a Santa Maria.

Vieste,
ti vedo davanti a me
a tutte le ore!
Dell'origano e dei lentischi
sento l'odore,
del cielo e del mare tuo
vedo il colore!
Vieste, Vieste mia,
voglio tornare da te
prima che io muoia!

foto: Giancarlo Bortolini


JSN Mico template designed by JoomlaShine.com